Patatine fritte: il segreto per farle perfette

Pubblicato il 22 gennaio 2016 12.15 | Ultimo aggiornamento: 23 gennaio 2016 17.02

Tags:

 
patatine-fritte

R OMA – Patatine fritte: il segreto per farle perfette. Infinite sono le possibilità di impiego delle patate, sicuramente quello più goloso è la frittura. E non importa se sono anni che i medici ci dicono che questo tipo di cottura non fa bene al nostro organismo, nel momento in cui addentiamo le patatine fritte il nostro animo sorride. La chiave per una perfetta frittura stile fast food sta nella preparazione anticipata e ovviamente, nel tipo di olio utilizzato. Le patate vanno messe a bagno per almeno due ore, prima della cottura, in questo modo rilasciano l’amido in eccesso e oltre a non attaccarsi, assicurano la croccantezza.
Quindi va utilizzato un olio che abbia un alto punto di fumo,  cioè che sia più stabile e resistente alle alte temperature, come l’olio di arachidi (210°C) o l’olio extravergine di oliva (190°C), mai usare quello di semi di girasole o di mais (130°C).
E’ molto importante rispettare questa regola, soprattutto da un punto di vista della salute, un olio con un basso punto di fumo, esposto ad alte temperature, si ossida e degrada molto velocemente  formando delle sostanze nocive.

Ma per realizzare delle perfette patatine fritte occorrono altri accorgimenti importanti. Friggere sempre in abbondante olio, l’alimento deve nuotare nell’olio, galleggiare e potersi subito sigillare in tutti i punti della superficie. Solo così il fritto sarà leggero e al suo interno penetrerà pochissimo grasso. Se avete la padella piccola fatene di meno oppure friggetele in due volte. Non ammassarle tutte insieme perché il risultato sarà terribile: tante patate in poco spazio impiegano più tempo a cuocere, non assorbono l’olio nel modo corretto e sono più impegnative da seguire.
Inoltre le patate devono essere a temperatura ambiente: i cibi freddi allungano i tempi di cottura e il fritto si impregna di olio.

Fate cuocere le patate per 5-7 minuti, non di più, mettetele in un piatto con la carta assorbente e poi fatele cuocere per altri 2 minuti a fuoco più alto (190°-200°). In questo modo, grazie alla doppia cottura, le vostre patatine fritte resteranno croccanti fuori e morbide dentro.