“Lu Vrudatte” ovvero Brodetto alla Vastese

Pubblicato il 31 marzo 2016 05.00 | Ultimo aggiornamento: 31 marzo 2016 00.42

Tags: , ,

 
"Lu Vrudatte" ovvero Brodetto alla Vastese

Roma – “Lu Vrudatte” ovvero Brodetto alla Vastese.

Oggi la food blogger Sabrina Acquarola ci presenta un piatto tipico della sua terra: Il Brodetto alla Vastese.

Per “lu vrudatte”, come viene chiamato in dialetto, oltre al tegame di terracotta, “tijelle” di coccio», importanti sono l’olio delle colline vastesi e il peperoncino piccante.
Quanto al pesce, secondo la tradizione deve essere fresco, pescato fra Ortona e Vasto e di almeno cinque-sei varietà. Razze, triglie, seppioline, noce, testone, cucinati con aglio, peperone e pomodoro fresco a pezzetti. La preparazione, nonostante sia un piatto semplice, è molto accurata. Le varietà vanno messe nel tegame, una alla volta, a seconda della resistenza, in modo che cucciano insieme in venti minuti. Perché il risultato sia eccellente, il pesce non va girato, sono necessari dei movimenti orizzontali e rotatori del tegame per mescolare e condire tutto.
Ricetta originale di Pino Jubatti

Ingredienti.
• 1,5 kg di pesce assortito.
• abbondante olio extra vergine di oliva.
• 800 gr di pomodori perini molto maturi oppure ciliegini.
• due spicchi di aglio, sale e prezzemolo.
• un peperone rosso e un peperoncino fresco rosso piccante.
• pane casereccio abbrustolito.

Preparazione e cottura.
Impiegare i seguenti tipi di pesce: merluzzi, triglie e sogliole, qualche tracina, gallinella, cefalo, polipo o piccola seppia, falso grongo e scorfano o lucerna; alcune cicale di mare (canocchie).

Pulire e lavare il pesce in abbondante acqua corrente, senza privarlo delle teste: la gallinella, assieme alla cicala di mare, a tracina, scorfano, triglia, merluzzo, piccola seppia, sogliola e infine alla razzetta.

Nella bassa e larghissima pentola di tradizionale terracotta, predisporre assieme, tutti questi ingredienti a freddo: olio d’oliva nostrano, peperone tagliato a lische, prezzemolo, aglio e sale, sui quali, dopo pochi minuti di fuoco vivace, si adageranno i pomodori spezzettati.
Al primo bollore, disporre tutte le specie di pesce elencate, una alla volta, e in modo da non provocare dannose sovrapposizioni: si inizia con la varietà più resistente (cicala, gallinella, seppia) fino a concludere con quella più delicata (triglia, merluzzo, sogliola), affincè sia raggiunta l’ideale cottura finale: cioè, in maniera contemporanea, per ogni tipo di pesce.

La cottura, a coperchio fisso, si protrae per altri 15/20 minuti, senza toccare nulla; se necessario “far muovere” il pesce, attraverso un dolce movimento orizzontale e rotatorio del recipiente, sollevato dai manici.

Terminare spezzettando e aggiungendo il peperoncino e servendo con pane abbrustolito.

.

In collaborazione con il Gruppo Facebook  “Quelli che non solo dolci”

Per saperne di più sul gruppo “Quelli che non solo dolci” clicca qui.

Se vuoi diventare anche tu un membro del gruppo clicca qui.

.

Chi è Sabrina Acquarola.

Sono Sabrina Acquarola ho 37 anni e sono abruzzese. Sono una Foodblogger per passione e ho iniziato a mettere le mani in pasta all’età di 10 Anni. Questa passione è’ andata via via crescendo sempre più; ho appreso tecniche e basi leggendo tantissimi libri di cucina…

Potete trovare Sabrina nel suo Blog “Ricette in casa di Sabrina”

Altre ricette di Sabrina su Ladyblitz.

Kasekuchen ovvero al Cheesecake tedesca
Risotto in zucca salsiccia porro e taleggio
Soffione di Ricotta o Fiadone 

Sabrina Acquarola

Sabrina Acquarola

 

Link a Lady Kitchen