Farina di grillo, la nuova frontiera del cibo ecosostenibile

Pubblicato il 6 maggio 2015 12.59 | Ultimo aggiornamento: 6 maggio 2015 12.59

Tags: ,

di Redazione Ladyblitz
 
Farina di grillo, la nuova frontiera del cibo ecosostenibile

R OMA – Ricavare farina dai grilli e grazie a questa offrire un cibo “fresco, sano e sostenibile”. E’ il motto di quattro ragazzi statunitensi, Elliot, Max, Peter e Matt, ideatori del primo allevamento di grilli per la produzione di farina commestibile in California, “la nuova frontiera dell’alimentazione proteica ed ecosostenibile”. Un rapporto della Fao e dell’Onu del 2013 ha promosso l’uso di insetti per il consumo umano per contribuire a sostenere la popolazione in crescita senza causare più problemi all’ambiente, e questi ragazzi non si sono fatti scappare l’occasione. L’allevamento “Coalo Valley Farms” è nel distretto Van Nuys di Los Angeles, nella San Fernando Valley.

I grilli saranno allevati in un magazzino di 650 metri quadrati, la farina prodotta sarà venduta a privati, a ristoranti e ad aziende di produzione alimentare. Il magazzino includerà 175 bidoni, ognuno con 2.000 grilli. Gli insetti mangiano vegetali in decomposizione, funghi e alcune piante.

Mermel ha detto che il “grillo in polvere sta diventando un ingrediente per tutto, dalle barrette proteiche ai frullati, dalla farina per la pizza alle frittelle. La farina di grillo ha il sapore di mandorle affumicate”.