Viaggi in aereo, le 10 date assolutamente da evitare

Pubblicato il 9 febbraio 2016 13.49 | Ultimo aggiornamento: 9 febbraio 2016 14.27

Tags: ,

 
Viaggi in aereo, le 10 date assolutamente da evitare

R OMA – Viaggi in aereo, le 10 date assolutamente da evitare. Un viaggio verso una meta lontana è il sogno di tanti aspiranti turisti desiderosi di visitare angoli lontani del mondo, spesso però si è frenati però dai costi eccessivi dei biglietti. Con un po’ di astuzia e un pizzico di fortuna, ecco però che volare a prezzi stracciati diventa possibile. Il segreto? Scegliere il giorno giusto.

A svelare l’arcano è stata una recente ricerca, che ha comparato i vari siti di prenotazione on line e individuato così 10 giorni del 2016 durante i quali sarà meglio mettersi l’anima in pace, restare a casa e salvare il portafoglio. L’analisi riguarda i voli in partenza dal Regno Unito ed è stata realizzata dal noto sito inglese Flight Centre che, segnala i giorni da bollino rosso durante i quali i prezzi dei voli subiscono un’impennata evidente. Ecco le 10 date da evitare nei prossimi mesi.

  • 12 febbraio. Impennata causata dalla vicinanza con le vacanze scolastiche in Inghilterra.
  • 24 marzo. Il week end che precede la Pasqua e che quindi vede aumentare la domanda di viaggi.
  • 13 aprile. Picco in Thailandia, dove si festeggia il Songkran.
  • 27 maggio. L’arrivo del bel tempo fa schizzare le richieste per il Mediterraneo.
  • 11 giugno. Data particolare perché iniziano in Francia gli Europei di calcio 2016. Occhio anche al 10 luglio, data della finale.
  • 1 luglio. Segna l’inizio della stagione estiva e quindi inaugura i prezzi da alta stagione.
  • 21 ottobre. Altra pausa per le scuole Inglesi e di nuovo prezzi alle stelle.
  • 6 e 24 novembre. Il 6 novembre meglio evitare New York a causa della maratona cittadina. Stesso discorso anche per il 24 novembre, giorno in cui quest’anno si festeggia il ringraziamento in America.
  • 22 dicembre. I prezzi cominciano a salire già dal 12 dicembre se si viaggia verso l’Australia e la Nuova Zelanda, con picco maggiore il 22.