Caro Mario, guarda che i “negri” in campo corrono…