Irina Shayk, Bradley Cooper: baby shower a Los Angeles per la coppia

Pubblicato il 15 marzo 2017 12.13 | Ultimo aggiornamento: 15 marzo 2017 12.13

Tags: ,

 
Irina Shayk, Bradley Cooper: baby shower a Los Angeles per la coppia

Irina Shayk e Bradley Cooper hanno festeggiato il loro primo baby shower. Si tratta di una festa in onore della mamma in attesa del suo bebè. Una tradizione made in Usa. Secondo quanto riportato da E! News, la modella e l’attore americano hanno avuto al loro fianco anche Gloria, la mamma del divo hollywoodiano, cui entrambi sono legatissimi. Presenti anche vari amici della coppia. Non si conoscono molti dettagli della festa, se non che tutto era arredato a tema del sesso del bebè in arrivo. Irina e Bradley hanno infatti preferito non svelarlo ancora ai media, così come non hanno mai ufficializzato la notizia della gravidanza della top model. Sono state le foto stesse a parlare.

Irina Shayk si è raccontata nel corso di un’intervista con il settimanale Grazia. La top model russa è una dell indossatrici più richieste al mondo, ma non ha mai dimenticato il suo passato umile, punto di forza della sua personalità. Irina è nata a Emanželinsk, una città della Russia situata nell’Oblast di Celjabinsk, al confine con il Kazakistan. Viene da una famiglia poverissima: suo padre era un minatore ed è morto quando lei aveva solo 14 anni, lasciandola con la sorella maggiore e la madre maestra di musica. Mai si sarebbe immaginata che sarebbe diventata una delle supermodel della sua epoca.

“Mio padre faceva il minatore di carbone ed è morto di polmonite quando avevo 14 anni, lasciandomi sola con mia madre, insegnante di musica, e mia sorella maggiore Tatiana”, racconta Irina Shayk. “Mi è crollato il mondo addosso. La mia vita non è stata affatto facile nonostante l’esempio di mia nonna Galina, ex sergente dell’aviazione sovietica, una donna fortissima. Per tirare avanti noi ragazze la aiutavamo a coltivare l’orto, mentre mia madre si arrabattava con due lavori. Ho fatto la fame, non potevamo permetterci nemmeno le patate. Probabilmente, se avessi avuto tutto, non sarei arrivata fino qui”.