Giulia Salemi, parla Karina Cascella: “Segno del costume osceno”

Pubblicato il 9 settembre 2016 12.18 | Ultimo aggiornamento: 9 settembre 2016 12.18

Tags: ,

 
Giulia Salemi, parla Karina Cascella: "Segno del costume osceno"

M ILANO – Giulia Salemi, parla Karina Cascella: “Segno del costume osceno” . Non c’è pace per la bella modella di origine persiana, che al Festival del Cinema di Venezia ha indossato un abito con doppio scacco inguinale, da molti giudicato inadatto alla situazione, nonché volgare. Un outfit che ha scatenato Durante l’ultima puntata di Pomeriggio 5, Karina commentato la scelta con parole piuttosto dure. Ecco le sue parole, secondo quanto riportato da Giulio Pasqui per Gossipblog:

“Penso che sia una bella ragazza. Però… se proprio devi indossare un abito del genere, come minimo facciamoci una ceretta. Ho visto delle foto. Se tu da internet vedi delle foto, viene fatto lo zoom. E visto che comunque si vedeva praticamente tutto, si è visto anche che i peli c’erano. Io volevo dire al truccatore della Salemi che esiste la ceretta, il rasoio e, qualora lei non avesse avuto il tempo perché era troppo di fretta per andare a sfilare a Venezia, esistono dei fondi con cui lei avrebbe potuto coprire questa peluria. Già era osceno il vestito, poi se ci dobbiamo subire anche la peluria della Salemi… no. Anche il segno del costume era osceno, doveva essere coperto.

Poi ancora: “A Venezia non doveva esserci Giulia Salemi così come tante altre che non sono attrici (…) Io oltre all’aspetto estetico ho anche la testa. Giulia Salemi magari esteticamente può essere una grande bellezza però pure lei c’ha la testa bucata. Una che ha un minimo di cervello non si presenta in quella condizioni”.

Giulia Salemi, 23 anni, è un modella nata a Piacenza il 1° aprile del 1993. Figlia di una donna di origine iraniane e papà italiano. Insieme alla mamma ha partecipato all’edizione di Pechino Express 2015. E’ stata anche una concorrente del concorso di bellezza Miss italia. Alta, bruna, occhi scuri, il successo per lei è solo all’inizio.