Antonino Cannavacciuolo: “Lady Gaga? Ci vediamo e…”

Pubblicato il 29 febbraio 2016 10.36 | Ultimo aggiornamento: 29 febbraio 2016 10.36

Tags: ,

 
Antonino Cannavacciuolo apre la sua cucina a Leonardo Pieraccioni

R OMA – Antonino Cannavacciuolo è stato protagonista di un simpatico siparietto durante “Che Fuori Tempo che fa” su Raitre. Fabio Fazio lo ha punzecchiato sulla presunta simpatia che Lady Gaga avrebbe per il noto chef. La risposta, in puro neapolitan style, non si è fatta attendere: “E’ tutto vero, ci vediamo ogni fine settimana e… cuciniamo“.

Lady Gaga è infatti “innamorata persa” di Cannavacciuolo, chef stellato diventato famoso in tv grazie a Cucine da Incubo (nella versione italiana, perché quella americana è presentata da Gordon Ramsay) e ora per aver affiancato Carlo Cracco, Bruno Barbieri e Joe Bastianich tra i giudici di Masterchef Italia. Tra i due ovviamente non ci sta una storia con implicazioni sentimentali, ma la cantante americana sarebbe così tanto rimasta affascinata dal cuoco campano (almeno secondo quanto scrive Dagospia) da volerlo con sé per un programma televisivo oltreoceano.

Ivan Damiano Rota su Dagospia scrive: Lady Gaga si è letteralmente innamorata, in senso professionale di Antonino Cannavacciuolo, chef di “Masterchef”. Lo vorrebbe per un cameo proprio nella fortunata serie televisiva in cui lei interpreta Elizabeth, donna fatale che si nutre di sangue e della passione di molti amanti.

Aggiunge Huffington Post: Il burbero chef campano dal cuore tenero avrebbe attirato così tanto l’attenzione della pop star che questa lo vorrebbe per un cameo nella fortunata serie televisiva “American Horror Story”, in cui interpreta Elizabeth, donna fatale che si nutre di sangue e della passione di molti amanti. Cannavacciuolo, al momento impegnato nella nuova edizione di Masterchef, ha già avuto a che fare con l’”incubo”, quello delle cucine, quindi un passaggio in una serie horror non dovrebbe essere un problema. Anzi, forse proprio i mostri e gli incubi dovrebbero cominciare a temere le “pacche e paccheri” del bistellato Michelin.