Alessandra Amoroso: “Vado più lenta delle mie colleghe ma…”

Pubblicato il 31 maggio 2016 13.38 | Ultimo aggiornamento: 31 maggio 2016 13.38

Tags:

 
Alessandra Amoroso: "Vado più lenta delle mie colleghe ma..."

Alessandra Amoroso confessa: “Il tour nei palazzetti dello sport è il risultato di quello che sto costruendo piano piano. Mattoncino su mattoncino. Vado più lenta delle mie colleghe, ma vado con i miei tempi. E sono felice. Come ha scritto per Tiziano Ferro in Fuoco d’artificio “nel bilancio di tutto, io tutto lo rifarei”. La cantante, che quest’anno compirà 30 anni, è ancora euforica: ieri sera ha stupito il Forum di Assago, con la seconda delle due anteprima del Vivere a Colori tour (la prima a Roma il 27 maggio davanti a 8 mila fan), che partirà il 7 ottobre da Napoli. Diecimila persone che l’hanno stretta in un abbraccio.

“E’ la mia Big Family, il loro supporto non è importante, è fondamentale. Sono qui grazie al loro sostegno, alla loro determinazione. Siamo cresciuti insieme, da quando sono uscita da Amici ormai 7 anni fa”. In scaletta tutta, o quasi, la sua storia in musica. “Sul palco c’è la continuità del mio percorso, una linea continua da Stupida a Comunque andare. Con sonorità rinfrescate per i brani più vecchi”.

Alessandra Amoroso è fidanzata con Stefano Settepani, 40 anni, autore del programma Amici di Maria De Filippi. Insomma, proprio il programma che l’ha fatta conoscere al grande pubblico e le ha regalato il successo, ha nuovamente portato fortuna all’artista: facendole trovare la sua anima gemella. Secondo quanto riportato da Vanity Fair, del suo ultimo album “Vivere a colori” Alessandra Amoroso ha detto:

“Sono passati otto anni e sul disco c’è ancora il mio viso, ma sono cambiata.E il cambiamento si sente anche nei testi. Si cresce in tutto, si cresce anche nei suoni, che sono diversi da quelli precedenti. Ho fatto un percorso senza bruciare le tappe e, dopo le ballate che mi hanno portato tanta fortuna, era ora di ricercare un sound che permettesse non solo di cantare, ma anche di ballare”.