Albano Carrisi: “Ecco cosa sogno per il futuro”

Pubblicato il 5 maggio 2016 12.41 | Ultimo aggiornamento: 5 maggio 2016 12.41

Tags:

 
Romina Power, sfogo di Al Bano: "Mi infastidisce questo..."

Albano Carrisi, cosa sogna per il suo futuro artistico il cantante pugliese? Un programma insieme a sua madre, Iolanda Ottino, alla quale l’artista è legatissimo. “La mia idea è quella di fare un docufilm su mia madre – ha detto – perché è un personaggio incredibile. È già arrivata a 94 anni, mi auguro che viva oltre l’ammissibile, e come lei tanta altra gente che vive una vita degna di essere mostrata. Se riuscirò a portarlo, e lo porterò in porto, sarò un uomo felice”. Al Bano non esclude un ritorno a Sanremo.

“In passato ho speso delle frecce a favore della manifestazione di San Remo e sempre le spenderò, perché è un bel campionato di note e non vedo perché dovremmo distruggerlo. Ci tornerei sempre da lottatore, non da padrone di casa, non mi interessa, ci tornerei da guerriero perché l’emozione che si prova in quel ruolo è unica”.

Durante un incontro al Circolo dei Lettori di Torino, dove Albano Carrisi tornerà il 12 maggio per partecipare all’inaugurazione del Salone del Libro in rappresentanza della Puglia, regione ospite d’onore, e per tenere al Teatro Alfieri un suo concerto, ha dichirato:

“Continuo a viaggiare nel mondo dove per fortuna la gente viene sempre numerosa ai miei concerti, ma vi dico che l’Italia è il Paese più bello e geniale, lo dicono anche i miei figli, mezzi americani, ma c’è ancora molto da fare per renderlo più vivibile”. “Tutte le volte che torno in questa città – ha aggiunto – mi rendo conto di quanto sia bella e di quanto abbiate fatto tesoro di essere vicini alla Francia”. In qualità di viticoltore ha ricordato i vini del Piemonte, dal Barbera al Barolo, dal Dolcetto al Barbaresco. “L’Italia del vino dopo l’incidente del metanolo è rinata ed è competitiva”, ha aggiunto. Ha poi scherzato sul suo desiderio di fare un trio con Morandi e Ranieri. “Morandi non vuole perché dice che gli copriremmo la voce, ma non è vero”. (Ansa).