Susan Sarandon testimonial di bellezza per L’Oreal Paris

Pubblicato il 11 gennaio 2016 14.19 | Ultimo aggiornamento: 11 gennaio 2016 14.19

Tags:

 
Susan Sarandon a Ragusa: incontra suoi parenti

P ARIGI – Susan Sarandon testimonial di bellezza per L’Oreal Paris. icona del cinema, vincitrice di un Oscar (per Dead Man Walking), attivista (prima di Natale è stata a Lesbo tra i profughi siriani), alla vigilia dei 70 anni (li compirà il 4 ottobre) Susan Sarandon si regala un contratto da testimonial di bellezza per il marchio di cosmetici francese. Al claim ‘Perchè io valgo’ si aggiunge #NoFilter a sottolineare lo spirito della collaborazione con l’attrice. Susan Sarandon sarà il volto della gamma skincare Age Perfect e della colorazione per capelli, insieme alle attrici Julianne Moore, Naomi Watts e Blake Lively, oltre alle modelle Karlie Kloss, Irina Shayk, Lara Stone, Natasha Poly, Liya Kebebe e Doutzen Kroes.

“Sono stata così lusingata quando L’Oréal Paris e Cyril mi hanno contattata! Questo brand è sempre stato leader nella sensibilizzazione delle tematiche di sviluppo per le donne. La prima volta che ho sentito lo slogan “Perché io valgo”, è stato un cambiamento nella percezione del valore della bellezza. Aveva a che fare con le donne che diventano padrone delle loro decisioni e delle loro vite. Ha un enorme potere evocativo che mantiene la sua forza anche con il passare del tempo. La bellezza viene da dentro, è uno stato mentale. Sono orgogliosa di essere parte di questo importante messaggio e di rappresentare le donne L’Oréal Paris”, ha dichiarato Susan Sarandon.

Nata a Manhattan, è cresciuta nel Queens e nel New Jersey, l’attrice è la maggiore di nove fratelli e ha studiato alla Catholic University di Washington. Ha ottenuto il suo primo ruolo a 20 anni nel film “La guerra del cittadino Joe”, quando accompagnò suo marito a New York per una parte in un musical di Broadway. Molti dei suoi film sono diventati subito dei grandi classici come Thelma&Louise, Bull Durham e il travolgente successo di The Rocky Horror Picture Show. FOTO ANSA.