Tagli Sanità: ecco quali sono e cosa sarà a pagamento

Pubblicato il 29 gennaio 2016 13.04 | Ultimo aggiornamento: 29 gennaio 2016 13.04

 
Tagli Sanità: ecco quali sono e cosa sarà a pagamento

R OMA – Tagli Sanità: ecco quali sono e cosa sarà a pagamento. È entrato in vigore il decreto Beatrice Lorenzin, ministro della Salute: quali sono gli effetti? Da ora esami di laboratorio e visite specialistiche potranno essere prescritte, dietro pagamento del ticket, solo in presenza di determinate condizioni, in assenza delle quali saranno totalmente a carico del paziente. Il “decreto Lorenzin” è entrato in vigore con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto ‘Condizioni di erogabilità e indicazioni di appropriatezza prescrittiva delle prestazioni di assistenza ambulatoriale erogabili nell’ambito del Servizio sanitario nazionale’, avvenuta lo scorso 20 gennaio. Si legge su Blasting News:

“Il decreto in questione si propone di razionalizzare e contenere la spesa sanitaria fornendo ai medici precise direttive in base alle quali è consentita laprescrizione di 203 tra visite specialistiche, analisi ed esami di laboratorio a carico del Servizio sanitario nazionale e il solo ticket a carico del paziente. Aspre critiche da parte delle associazioni dei medici che denunciano le nuove norme sulla prescrizione entrate in vigore come veri e propri tagli a danno della salute dei pazienti. Le visite e gli esami a pagamento sono compresi in diverse aree:

  • esami di laboratorio;
  • dermatologia allergologica;
  • odontoiatria;
  • genetica;
  • medicina nucleare;
  • radiologia diagnostica.

La prescrizione di prestazioni rientranti in questi settori potrà avvenire solo in presenza di determinate condizioni. Per le cure odontoiatriche, ad esempio, sarannogratuite solo per i bambini fino a 14 anni in condizioni di ‘vulnerabilità sanitaria’ o ‘vulnerabilità sociale’. Le risonanze magnetiche, invece, potranno essere prescritte a carico del Servizio sanitario nazionale solo in condizioni di ‘patologia oncologica’, ‘sospetto oncologico’ o per esami post-chirurgici”