Silvana Pampanini è morta: maggiorata simbolo prima di Sophia Loren

Pubblicato il 7 gennaio 2016 11.34 | Ultimo aggiornamento: 7 gennaio 2016 11.44

Tags: ,

 

R OMA – Silvana Pampanini è morta: maggiorata simbolo, prima di Sophia Loren. Se ne è andata all’età di 91 anni Silvana Pampanini e con lei ci lascia un vero e proprio pezzo di storia d’Italia. Non solo un’attrice, non solo la prima vera “donna maggiorata del cinema” ancora prima dell’arrivo di Sophia Loren e Gina Lollobrigida. Silvana Pampanini rappresentava il simbolo di un’intera generazione. Quella subito dopo la Guerra, di un’Italia a pezzi pronta a rinascere. Le sue forme da pin-up tutte italiane hanno rappresentato la rinascita. L’Italia era distrutta, le popolazioni povere. Non c’era ancora da mangiare ed erano gli anni in cui la nostra Penisola transitava dalle macerie della Guerra a quello che poi sarà il boom economico.

Scrive Il Secolo XIX:

“Nella sua lunghissima carriera al cinema (e in televisione) recitò con tutti i più grandi nomi del Dopoguerra da Totò a Mastroianni passando per De Sica, Manfredi, Gassman e Tognazzi. Oltre che in Italia lavorò anche all’estero e in particolare in Francia dove fu soprannominata “Ninì Pampan”. Non si è mai sposta e non ha avuto figli, ma ha avuto molte storie d’amore tra cui alcuni flirt (presunti) con personaggi molto celebri come il principe afgano Ahmad Shah Khan eOrson Welles. I funerali si svolgeranno venerdì 8 gennaio alle ore 11 presso la Parrocchia Santa Croce in Via Guido Reni 2 a Roma.

Più giovane di un paio d’anni e con una carriera decisamente internazionale eppure per un po’ di tempo nel dopoguerra Gina Lollobrigida è stata “rivale” di Silvana Pampanini, scomparsa oggi a 90 anni. «Nessuna rivalità, mi dispiace se ne sia andata ma non eravamo amiche né l’ho mai conosciuta. Lei era venuta fuori prima di me ma le nostre strade non si sono mai incrociate sul set né altrove», dice all’ANSA Gina Lollobrigida, 88 anni. Mai sentite in competizione neppure per le copertine? «Ne ho in casa più di seimila, credo sia un record». Né per i corteggiatori? «Abbiamo avuto vite molto diverse». Ruoli nei film? «Mai, e poi io oltre al cinema ho fatto nella mia vita tanto altro in ambito artistico. Non c’è altro da dire non voglio inventare nulla», conclude la Lollobrigida. Del resto la Pampanini non mancò di criticare l’antica collega persino una decina di anni fa a proposito del matrimonio della Lollo con una persona tanto più giovane di lei (nozze che poi si rivelarono una spiacevole truffa)”.