Krizia, perché si chiamava così? Da Platone alla vanità femminile