Germaine Greer e quella lettera d’amore che imbarazza la femminista